The precious gift




English version below
Per questa sua ultima avventura artistica, la performer genovese Loredana Galante (Genova 1970) si è trasferita a Dubai per mescolarsi con le atmosfere e le suggestioni del mondo arabo.

Rinomata a livello mondiale per il commercio dell’oro e dei gioielli, Dubai vanta un Gold Souk dove si susseguono vetrine stipate di monili preziosi: collane, anelli, braccialetti, orecchini e spille naturalmente d’oro. Importante destinazione turistica, Dubai è uno dei centri economici più importanti del mondo, punto focale del lusso mondiale e destinazione di ingenti investimenti stranieri.
Ricollegandosi alla tradizione del commercio che risale ai mercanti nomadi, Loredana Galante ribalta il meccanismo dell’economia di mercato su cui si basa la speculazione finanziaria dell’emirato arabo e avvia una performance il cui codice di necessità è l’idea del dono, della gratuità, del regalo.

I “precious gifts” non consistono in altro che in oggetti senza valore, di diversa forma, foggia e fattezza, sono oggetti di scarto, “spazzatura del consumo locale”.
bagnati in una colata d’oro, a simulare il scintillante sfarzo dell’ oro, e corredati di un foglietto di carta sui cui sono trascritte frasi poetiche, messaggi di differente provenienza. Di questi oggetti, impreziositi non tanto dalla superficialità del guscio dorato, quanto dalla ricchezza poetica in essi racchiusa, viene fatto dono agli abitanti della città di Dubai quale memorandum d’amore, tesoro di saggezza e sapienza.
Gli oggetti sono lasciati in posti pubblici frequentati dalle classi medio-alte, consegnati ai lavoratori immigrati o inseriti di nascosto in qualche contesto dove non sono immediatamente visibili.

Con questa azione sottilmente provocatoria e dolcemente sovversiva, Loredana Galante trasforma alchemicamente con l’oro ogni cosa di cui si appropria per colpire lo spettatore con l’aspetto esteriore di ciò che comunemente si ritiene prezioso, per poi mutare improvvisamente la scala di valori qui proposta e risvegliare un atto di percezione nei confronti di un tesoro sostanziale che si rivela come vademecum esistenziale, scambio interpersonale e dono emotivo.
“… Fedor Kostantinovic pensava con una penosa sensazione di disgusto alle poesie che aveva scritto fino a quel giorno, alle parole-fessure, alle fughe di poesia, ma al tempo stesso pensava già con un’ orgogliosa e lieta energia, con una frenetica impazienza, alla creazione di qualcosa di nuovo e ancora sconosciuto, qualcosa di autentico che corrispondesse pienamente al dono che sentiva in sé come un fardello… ”
Da Il dono di Vladimir Nabokov

Un gesto intimo e nello stesso tempo universale, una riflessione sul valore della democratizzazione delle esperienze vissute che si rivela non attraverso un atto di spettacolarizzazione, ma mediante un’azione di gratuità e di offerta che va oltre l’esteriorità delle cose e che si concretizza nella “collezione sentimentale di tesori di carta”.

Come già sottolineava Achille Bonito Oliva nel testo Una question(e) pubblica, l’operazione artistica di Loredana Galante è “frutto di un desiderio, quello di sdrammatizzare il senso della vita, infantilizzare il processo creativo, democratizzare le procedure dell’arte per affermare un armistizio, l’intervallo tra arte e vita”.

Chiara Canali

Loredana Galante
the precious gift
a cura di Chiara Canali

City of Dubai
Novembre 2009

English version

For that last artistic adventure, the perfomer Loredana Galante ( Genova, Italy, 1970) have been transfered to Dubai to get mixed up with the arabic world atmosphere and suggestions

Renowned worldwide for the trade of gold and jewelry, Gold Souk Dubai boasts one where successive windows crammed with precious jewelry: necklaces, rings, bracelets, earrings and brooches of gold, of course. Major tourist destination, Dubai is
ecom one of the most important centers of the world, the focal point of the luxury world and destination of huge foreign investment.
Following on the tradition of the trade that goes back to the nomadic merchants, Loredana Galante fore the mechanism of market economy on which financial speculation in the emirate Arab and start a performance where the code needed is the idea of gift, gratuity of gift.

The “precious gifts” does not consist simply of no value in objects of different shape, style and features, are objects of scrap, junk local consumption ”
bathed in a cast gold to simulate the shimmering splendor of ‘gold, and accompanied by a slip of paper on which are transcribed poetic phrases, received messages of different origins. Of these objects, embellished by the shallowness of the shell, not so much golden as by the poetic richness they contain, a gift is made to the inhabitants of the city of Dubai as a memorandum of love, a treasure of wisdom and knowledge.
The objects are left in public places frequented by upper middle classes, delivered or to immigrant workers, or placed secretly in some context where they are not immediately visible.

With this subtly provocative action and sweetly subversive Loredana Galante alchemical transformation with gold everything that is appropriated to hit the viewer with the appearance of what is commonly considered valuable, then suddenly changing the scale of values proposed here and awaken an act of perception in a substantial treasure that reveals itself as handbook existential, interpersonal and emotional gift.
“… Fedor Konstantinovich thought with a painful feeling of disgust with the poems he had written up to that day, the words-cracks, leaks of the poem, but at the same time he had been thinking with a ‘proud and joyful energy, with a frenetic forward to the creation of something new and yet unknown, something authentic that corresponded fully to the gift that she feels like a burden … ”
By The Gift by Vladimir Nabokov

A gesture at the same time intimate and universal, a reflection on the value of the democratization of experiences that turn out not by an act of a show, but through the combined efforts of gratuity and offering that goes beyond the superficiality of things and having the form the “sentimental collection of treasures of paper.”

As already noted Achille Bonito Oliva in the text a question (s) public, the artistic work of Loredana Galante is “the fruit of a desire to play down the meaning of life,, infantilise the creative process and democratise art procedures to reinstate the armistice between art and life

Chiara Canali

Loredana Galante
the precious gift
a cura di Chiara Canali

City of Dubai
Novembre 2009

  • I redraw
    yourlife

    home page

    “…….. incontro, ricordo, evento dubbio, conflitto, promemoria, delusione, gioia, anniversario, confusione ….. te lo ridisegno” Creare...

    leggi
  • Progetto
    Abat jour

    2_abatjour_ok

    Progetto per la casa circondariale di Genova-Pontedecimo. L' accensione e lo spegnimento dell'abatjours evoca reminiscenze infantili ed è il gesto...

    leggi
  • Oiseux chantant
    en promenade

    3_oiseux_ok

    Un orizzonte alieno al frastuono, quieto, vi riporta indietro al tempo dei libri di favole illustrati. Loredana è un'artista atemporale. Orsetti...

    leggi
© Copyright 2010. MinimaxWhite. All Rights Reserved | Web Design by Mip Design Themes | Site by Webelin